top of page

Formazione come obbligo e diritto



L’erogazione della formazione è un obbligo penalmente sanzionato in capo al datore di lavoro e al dirigente e la partecipazione ai corsi di formazione e in generale all’attività formativa è un obbligo penalmente sanzionato a carico del lavoratore, del preposto, del dirigente etc.

Contemporaneamente, dall’altra parte, sussiste un corrispondente diritto soggettivo in capo al lavoratore a ricevere le corrispondenti tutele.

In sostanza, poiché lo Stato da un lato ritiene di interesse generale la salute pubblica e dall’altro garantisce l’integrale tutela del lavoro in ogni sua forma, l’integrità fisica del lavoratore assume rilevanza generale; per cui, tutelandola, lo Stato tutela un bene generale, al quale è interessata - nel suo complesso - l’intera collettività.

Dunque, è importante che si incrementi sempre di più la consapevolezza di tali obblighi fondamentali: quello del datore di lavoro e del dirigente di assicurare che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza (art.18 c.1 lett.l) in comb. disp. art.37 D.Lgs.81/08) e quello del lavoratore di partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro (art.20 c.2 lett.h) D.Lgs.81/08; si veda anche art.19 c.1 lett.g) del medesimo decreto).

Quello che preme osservare qui, è rappresentato dalla constatazione che non sempre altrettanta attenzione - o comunque una sufficiente attenzione - viene dedicata al fatto che la formazione sia oltre ad un obbligo anche un diritto (del lavoratore, del preposto, del dirigente e più in generale di tutti coloro che rivestono ruoli specifici per i quali hanno il diritto di riceverla da parte del datore di lavoro/dirigente).

Il fatto che la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro sia un diritto, emerge e viene messo in luce tutte le volte in cui essa non viene erogata e viene rivendicata dal lavoratore; ad esempio, a fronte di un cambio di mansione o di ruolo che comporta lo svolgimento di diverse attività che senza la formazione non si è “attrezzati” ad affrontare dal punto di vista della salvaguardia della propria salute e di quella delle altre persone presenti nell’ambiente di lavoro.

È evidente che nei casi in cui tali diritti (alla formazione, all’addestramento, alla sorveglianza sanitaria etc.) vengono nella pratica negati e quindi sono oggetto di legittima rivendicazione, è forte la consapevolezza che si tratti di veri e propri diritti, oltre che di obblighi.

Sarebbe importante che tale consapevolezza non venisse a mancare neanche nei momenti in cui tali diritti non sono negati e le prestazioni di salute e sicurezza sono concretamente fornite (ovviamente in maniera adeguata sia sul piano della conformità normativa che della qualità ed efficacia della prestazione).


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page